Il Progetto


Angeli della Notte - Logo

Angeli della Notte

Il progetto Angeli della Notte, è un progetto di assistenza ospedaliera notturno voluto dalla Fondazione “Onlus” Bellotti Maria Rosa – Stefani Giuseppe, come previsto dall’articolo 2 dello statuto della fondazione stessa.

Articolo 2
Scopo della Fondazione è esclusivamente l’attuazione di finalità di solidarietà sociale, istruzione e assistenza sociale e socio sanitaria.
Le finalità statuarie della Fondazione si esauriscono nell’ambito territoriale della Regione Veneto.
In particolare la fondazione:
– Assegnerà Annualmente fino a tre borse di studio per numero tre (tre) studenti meritevoli e in condizioni economiche disagiate della scuola dell’obbligo del Comune di Monastier di Treviso (TV) ed ivi residenti.
L’importo delle borse di studio sopra citate e i parametri economici di disagio verranno determinati annualmente dal consiglio di amministrazione, secondo quanto stabilito da Boston regolamento adottato, in via preventiva, dal consiglio d’amministrazione.
Le borse di studio verranno assegnate ai tre studenti che al termine dell’anno scolastico della scuola dell’obbligo risulteranno con la miglior media scolastica e con la peggior situazione economica familiare:
– Svolgerà attività di assistenza promozione sociale coop ogni connesse attività formativa, educativa, socio-sanitarie, ospedaliere; di beneficenza, assistenza morale, religiosa, spirituale e materiale dei malati, degli anziani e dei portatori di handicap fisici e psichici, degli indigenti, più bisognosi e, comunque, di coloro che si trovino in situazioni di svantaggio, fisico, Psichico, economico, sociale e familiare.
È fatto divieto di svolgere attività diverse da quelle soprammenzionate ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse.
Il Progetto è stato realizzato in collaborazione con l’U.L.S.S. n.9 di Treviso.
La convenzione è stata stipulata il 27.11.2012 dal Presidente della Fondazione sig. Giuseppe Stefani e dal Dirigente dott.ssa Alessandra Da Re delegato del Direttore Generale, dott. Claudio Dario.
Copia della convenzione è disponibile a partire da qui